NON DIMENTICARE PAOLA CLEMENTE

Si è molto ironizzato sul titolo del libro di Enrico Rossi, governatore della Toscana e membro degli scissionisti: RIVOLUZIONE SOCIALISTA.
Si è parlato di operazione nostalgia perché la parola socialismo appartiene al passato. Ma dimenticare il passato, rottamarlo, è un’operazione sbagliata perché è come se un albero volesse liberarsi dalle radici. Dimenticare gli enormi meriti che il socialismo ha dato all’umanità in termini di diritti e di civiltà è fare un torto alle migliaia di donne e uomini che hanno pagato con il carcere, la tortura e la vita per farci questi doni.
Considerare la parola Rivoluzione come qualche cosa di improponibile è quanto meno imprudente.
La rivoluzione è, come dice la parola, un cambiamento radicale, un sovvertimento dell’esistente.
Ma el mundo es al reves, il mondo è al contrario. E forse qualche cambiamento, anche radicale, è urgente.
In Italia l’1% (L’UN PER CENTO!) della popolazione possiede il 25% (UN QUARTO!) della ricchezza nazionale.
Il 20% ne possiede il 70%.
Il 43% dei giovani, quasi la metà, è senza lavoro.
Senza un lavoro e senza un lavoro fisso, non puoi comprare una casa, mettere su famiglia, avere dei figli, costruire il futuro, preparare una pensione dignitosa.
I contratti a tempo indeterminato, dopo la riduzione dei generosissimi contributi dati agli imprenditori con i nostri soldi, sono passati da 930.000 a soli 84.000.
I voucher la fanno da padroni: quasi 9 milioni in un anno.
Lavoro a ore. Che spesso vuol dire vera e propria schiavitù.
Come abbiamo potuto vedere con PAOLA CLEMENTE, la bracciante agricola MORTA DI FATICA per un salario di 3-4 euro l’ora.
Quello che è allucinante è che questo caso, punta di un enorme iceberg di un diffuso sfruttamento senza regole, è venuto alla luce grazie a un’inchiesta del giornale L’Espresso e non della polizia, dei carabinieri, della magistratura, della Camera di Commercio, ecc.
C’è un mondo di schiavitù che avanza e tutti sono voltati dall’altra parte. Solo ora che la CGIL ha raccolto tre milioni e mezzo di firme contro i voucher, qualcuno, dopo avere cercato di ostacolare il referendum (e non è finita!), finge di essere indignato.
Quanto si può sopportare di vivere sfruttati in modo disumano, senza lavoro, senza futuro, senza dignità?
Forse la parola rivoluzione è obsoleta ma il malcontento cresce. Se la sinistra non recupera valori e passione per difendere i più deboli, la rabbia può avere sbocchi imprevedibili per chi pensa che la politica sia solo un mestiere per sistemarsi.

clemente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *