La mamma di un bambino disabile: “Il prete non lo vuole in chiesa, dice che darebbe fastidio”

La repubblica 14/10/2017

 Niente sacramenti perché “la sua presenza durante la messa della domenica può disturbare gli altri bambini”. A chiudere la porta in faccia a un bambino con un lieve ritardo cognitivo e un deficit comportamentale è la parrocchia Santa Croce, in via Crisanzio, nel cuore del quartiere murattiano di Bari.
Antonio (un nome di fantasia), dieci anni, frequenta la quarta elementare. Spesso ha necessità di parlare a voce alta anche durante le lezioni o di alzarsi dal banco. Non vede bene, distingue le persone con il tatto e dall’odore. E quando vuole le coccole muove il naso e dice: “Mamma, facciamo i cagnolini?”. Studia, va a cavallo, ha tanti amici che lo invitano alle feste, ma non può frequentare il catechismo nella stessa parrocchia dei suoi compagni di classe perché, è stato detto, “la sua presenza non permetterebbe agli altri bambini di seguire la celebrazione della messa”.
Una storia di mancata inclusione che sua madre M.R. non può accettare: “Non punto il dito contro nessuno – precisa – Ma voglio che mi si spieghi quello che, nonostante tante parole, non sono riuscita a capire”. E che comincia un anno fa, quando la donna partecipa a un incontro di mamme: “In quell’occasione il parroco mi disse che ne avremmo dovuto riparlare in privato – racconta – Preferii lasciar perdere. Ma quest’anno si trattava di iscrivere anche l’altro mio figlio di otto anni. E allora ci ho riprovato”.
A fine settembre incontra don Vito Marziliano in parrocchia: “Con me c’era un’amica, volevo essere certa che ci fosse una persona più obiettiva di me. Lui non si ricordava e mi ha chiesto che problemi avesse Antonio – spiega – Poi ha aggiunto: “Non ho esperienza con questi soggetti”. Io gli ho assicurato che il bambino avrebbe avuto sempre l’assistenza di un’educatrice”. Poi cominciano le domande: “Mi ha chiesto se l’educatrice riuscirebbe a far capire a mio figlio il messaggio cristiano e se lui ha necessità di alzare la voce o alzarsi spesso. E che in quel caso – racconta ancora M. – sarebbe stato difficile farlo partecipare anche alla messa”.
Il tentativo di mediare da parte di sua madre (“posso portarlo fuori di tanto in tanto”) non sortisce effetto: “Mi ha detto che dopo tanti anni è finalmente riuscito a costruire un folto gruppo di bambini: la presenza di Antonio durante la funzione della domenica li avrebbe disturbati. A quel punto si è ricordato di me, dicendo che l’anno scorso Antonio ci aveva impedito di parlare”. Poi, nonostante le domande di M. e della sua amica, il caso si chiude: “Si è stretto nelle spalle, dicendo che non saprebbe proprio come comportarsi”.
Il diniego di don Vito arriva alle orecchie delle mamme di altri bambini, che gli chiedono chiarimenti: “Ha risposto loro che la parrocchia non è una scuola di calcetto”. E che subito dopo scelgono di trasferirli in altre parrocchie cittadine, pur con numerose difficoltà per gli spostamenti. A distanza di giorni, però, M.R. non trova un perché: “Sono disorientata – confessa – Ha senso nel 2017 parlare di tematiche come queste, che si credevano superate? E lui, parroco social, è autentico o ricoperto di una patina di ipocrisia? Negare i sacramenti a mio figlio è come negare l’estrema unzione”.
Don Vito affida a una nota la propria replica. “E’ noto il rinnovato impegno che la nostra comunità parrocchiale profonde nella attenzione e nella cura per la preparazione dei bambini ai sacramenti, con la partecipazione e la collaborazione delle famiglie”, scrive il sacerdote. “Nel caso concreto si è data piena adesione alla richiesta di preparazione del piccolo, pur essendo appartenente ad altra parrocchia, e nessuno ha voluto respingerlo o negargli i sacramenti: appreso della particolare disabilità di cui questi è portatore, ci si è limitati (doverosamente, anche e soprattutto nell’interesse del minore) a richiedere una particolare collaborazione alla famiglia, chiedendo anche di fornire delle linee guida comportamentali da tenere in caso di manifestazioni acute (linee che soltanto la famiglia può fornire): lo spirito di tale richiesta è stato probabilmente equivocato”.
“Questa comunità parrocchiale – conclude il sacerdote – che come sempre accoglie altri bambini con disabilità si augura che non si alimenti una artificiosa polemica che può soltanto nuocere a tutti, andando a incrinare quello spirito di fraternità e di stretta collaborazione che deve crescere sempre  più tra famiglie e comunità”.
Sul telefonino la mamma conserva le foto di Antonio attorniato dagli amici mentre spegne le candeline, di Antonio che ride a cavallo, di giornate felici con tutta la famiglia. “Mio figlio è per noi fonte di arricchimento continuo, con la sua allegria. Non voglio accusare nessuno – ripete – ma chiedo soltanto che su questi temi si faccia informazione, che ci sia più consapevolezza e meno finta accettazione”.


  Articolo proposto da Gianni  Zanirato

  Commento.

  Spero, prima di tutto, che quanto scritto sull’articolo sia frutto di un equivoco e, se così è stato, mi scuso in anticipo con il parroco.

   Se veramente il parroco ha chiesto se l’educatrice riuscirebbe a far capire a mio figlio il messaggio cristiano”, posso rispondere tranquillamente al “religioso”che è proprio lui a non averlo capito.

  La mia mente va ai primi anni ’60. Polesine, nel Veneto. Un bambino di 9 anni è in chiesa con i suoi compagni. Il parroco, durante la predica, cita tra chi ha versato meno soldi alla parrocchia***, quindi tra i “cattivi parrocchiani”, la famiglia X. I compagni di questo bambino (spesso i bambini sanno essere crudeli) lo prendono in giro con parole non certo piacevoli. Eppure il parroco sapeva bene che, nella famiglia in questione, il padre era disoccupato perché a quei tempi non c’era lavoro in campagna per un uomo che portava il busto di gesso contro l’ernia del disco. La famiglia viveva stentatamente con i pochi soldi che arrivavano dai piccoli lavori da sarta fatti dalla madre. Quel parroco fece “vergognare” di fronte al paese l’intera famiglia. Quel ragazzo ero io e la “cattiva famiglia”era la mia.

 Con il tempo ho capito che nella chiesa ci sono i don Abbondo e i fra Cristoforo, c’è chi protegge la mafia e ci sono i don Puglisi, i don Diano, i don Ciotti e i don Gallo.

  Ma quanto dolore sanno procurare certi preti!

  Un grande abbraccio ad Antonio e a sua madre con la speranza che possano trovare persone migliori lungo la loro strada… e ce ne sono tanti, per fortuna.

   Gianni Zanirato

***Il parroco consegnava una busta per le offerte “libere” a tutti i capifamiglia. Su ogni busta era segnato il nome e i “cattivi parrocchiani”, la domenica successiva, venivano denunciati dal parroco durante la predica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *