ALESSANDRO DI BATTISTA (GRILLINO) NON SI RICANDIDA

Alessandro Di Battista:

“In maniera molto leale e sincera, sono qui per darvi una notizia: ho preso una decisione, una mia scelta umana, ed è quella di non ricandidarmi alle prossime elezioni. Una scelta mia, umana, di cuore. Dall’estate prossima voglio partire, andare in alcuni luoghi del mondo a raccogliere idee, e riportarle qui. La politica per me è l’attività più bella che esiste, e la voglio portare avanti al di fuori del palazzo delle istituzioni. Non vi nego che la nascita di mio figlio è come se avesse dato ancora più benzina a questa scelta che era già presa. Tra i miei sogni c’è la scrittura, e a proposito, tra qualche giorno uscirà il mio nuovo libro…”

21-nov-17 “La repubblica”

 

COMMENTO

 

   Purtroppo la notizia sembra non essere una bufala. Sono notti che non riesco a dormire al pensiero di come cambierà la mia vita sapendo che non ci sarà più Alessandro Di Battista a vigilare sul mio futuro. L’ incertezza per me e, credo, per tutti gli italiani diventerà insopportabile.

 Voglio ricordarlo con alcuni suoi memorabili interventi che ci hanno rallegrato la vita:

 

  • “Napoleone combatteva sui campi ad Auschwitz”. Peccato che il nostro parlamentare abbia confuso la celebre vittoria napoleonica (Austerlitz) con la città polacca (Auschwitz, appunto) tristemente nota per il campo di concentramento nazista.

 

  • Cita come premio Nobel Francois Hollande, l’ex presidente francese, che di certo non lo ha mai ricevuto. Chissà in quale disciplina (medicina, chimica, fisica?) il nostro Dibba pensava fosse stato assegnato?

 

  • Mi ha fatto ridere un mondo quando ha improvvisato un comizio a Roma nella piazza sbagliata piena di suoi avversari politici invece che quella con i grillini. Viene sommerso dai fischi dei partecipanti. Si salva da eventuali vie di fatto solamente perché i manifestanti sono bloccati dalle risate.

 

  • Chiede alla ministra Lorenzin la gratuità dei vaccini… che sono già gratuiti.

 

   5)   Politica estera. Afferma che in Nigeria il 60% del territorio è in mano ai fondamentalisti islamici. Di questa bufala se n’è occupato persino il New York Times. Così il nostro campione è diventato internazionale!

6)  “Lei non mi interrompi”. Ma allora il congiuntivo è stato abrogato tra i pentastellati? Ed io che, ingenuamente, pensavo che l’avversione verso il congiuntivo fosse patrimonio del solo Di Maio!

 

Vai pure via carissimo Di Battista. Di te mi mancheranno solo le risate che mi hai procurato con le tue figuracce.

Basta con l’elenco delle figuracce, concludo l’articolo con le parole di Eugenio Scalfari:

“Voi fate ridere. Voi siete un movimento che ha molti voti, avete un padrone che è anche ricco perché ha fatto il comico, ed è un comico che ha creato e che domina un movimento che è politicamente comico: questo è”. Così il fondatore di Repubblica Eugenio Scalfari, ospite insieme ad Alessandro Di Battista a Otto e Mezzo su La7, ha definito il Movimento 5 Stelle.

“In Europa non si sa bene che posizione avete – prosegue Scalfari – la vostra opinione è dire così com’è non va bene, se poi vi si interroga per sapere cosa bisogna fare, date risposte che si possono interpretare in vari modi. Quando siete alle prese con i problemi veri e reali fate la figura che avete fatto. Mi dispiace dirlo in assenza dell’interessata, ma come è andato l’affare Raggi dimostra quello che siete”.

 

di Gianni ZANIRATO

 

P.S. Alla domanda se fossi costretto a scegliere tra Berlusconi e Movimento 5 Stelle, chi voteresti?

 

Eugenio Scalfari risponde: Berlusconi.

 

Michele Serra: Se dovessi scegliere tra Berlusconi e Di Maio, sceglierei la cicuta, ma non so dove si compra”.

 

Cosa farei io? NON LO SO!!! Spero ci siano altre alternative.

 

P.S. Vuoi collaborare con noi? invia i tuoi articoli a conte.francesco@tin.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *