Rispettare i prof aiuta a costruire un Paese migliore

Pubblicato il 08/04/2018 Da “LASTAMPa

VLADIMIRO ZAGREBELSKY

La gravità dei frequenti episodi, che vedono insegnanti insultati, irrisi, picchiati dagli alunni o dai loro genitori, va oltre quella dei singoli casi. Si è infatti davanti ad un fenomeno sociale che vede gli insegnanti avviliti, impediti di svolgere il loro lavoro e, occorrerebbe dire, la loro missione sociale. Ogni autorevolezza della figura professionale dell’insegnate è perduta e con essa il rispetto per la persona e la possibilità stessa di far opera di educazione. L’impressione è che il fenomeno sia sottovalutato, particolarmente quando gli autori delle violenze siano gli allievi, riducendo le aggressioni a bambinate delle quali basta scusarsi per farla franca (dopo avere naturalmente umiliato l’insegnante diffondendo le immagini riprese con i cellulari). E invece si tratta di una manifestazione di radicale rifiuto del rapporto docente-discente, cui purtroppo spesso si adeguano le famiglie.  

 L’origine di ciò cui assistiamo è complessa e di lunga data. Altri ha certo competenza per approfondirne le cause sociali, tanto più che non riguarda solo l’Italia. Per restare a esperienze a noi vicine, si può ricordare ciò che avviene nelle scuole più difficili delle periferie parigine, dove gli insegnanti temono per la loro stessa incolumità fisica. Ma là appare una reazione da parte delle autorità di governo, che si manifesta anche con parole, che qui sembrano mancare, per rassegnazione o indifferenza. Mancano qui manifestazioni impegnative di solidarietà per i singoli insegnanti, ma anche complessivamente per la categoria, cui pure, più che ad altre, la società e la Repubblica dovrebbero tenere. 

 Il rispetto per l’insegnante è indispensabile. Esso si fonda sulla sua capacità professionale, fatta di conoscenza della materia che insegna e di aggiornati metodi didattici, ma anche sull’autorevolezza che discende dalla consapevolezza del ruolo non paritario, che distingue chi insegna da chi deve imparare. Non è irrilevante nell’avvilimento della funzione, ma è anzi segno di mancanza di apprezzamento, il penoso trattamento economico degli insegnanti di tutti i livelli. In una società tanto attenta al denaro, lo stipendio è un’importante indicazione del valore che si assegna alla persona che lo riceve. E non è certo segno di attenzione a questo importante aspetto l’occasionale regalia dispensata da questo o quel governo. 

 Dovrebbero essere oggetto di attenzione e di proposte non solo lo specifico problema della mancanza di rispetto o addirittura della violenza contro gli insegnanti, patologia grave di una generale situazione dell’istruzione, ma anche quello della formazione, selezione e valorizzazione della preparazione e aggiornamento professionale dei docenti. Da questo evidentemente dipende quella che vogliamo sia una buona scuola. 

 Una scuola di alta qualità è interesse della nostra società. La cultura dei giovani che escono dalla scuola condiziona la vitalità e civiltà della società tutta e il suo carattere democratico. Come difendere le istituzioni democratiche dalla crescente dipendenza da valori effimeri e irresistibili emozioni o dalla fascinazione di impossibili promesse diffuse da pifferai magici cui si accodano crescenti colonne della popolazione? Come, se non con la scuola, far crescere la capacità critica, l’autonomia di pensiero che fanno di un individuo un cittadino, rendendolo capace di partecipare effettivamente alla vita sociale del Paese? In gioco non c’è solo un efficace «ascensore sociale» che renda dinamica una società rigida come la nostra, non ci sono solo questioni che riguardano le capacità degli studenti a partecipare alla competizione per il posto di lavoro. In gioco è la stessa precondizione della vita democratica della società italiana. 

 Ma si tratta di questioni che richiedono visione culturale e politica di ampio respiro e di lunga durata. Non di questo, però, si occupano i partiti che discutono del nostro prossimo governo. Se non ai vincitori delle elezioni, almeno ai perdenti che dicono volersi rifondare si potrebbe chiedere di pensare a una visione della società di domani e a un programma per la scuola che la prepara. 

 

COMMENTO

 

Ho poco da commentare, Vladimiro Zagrebelsky ha espresso in modo straordinariamente chiaro il problema del ruolo dell’insegnante di fronte agli studenti e verso le famiglie. Nelle scuole sembra divenuto un rito insultare, picchiare, farne un filmato e metterlo in rete. Credo sia riduttivo dare la colpa alle scelte dei vari governi. Il problema è più complesso, più difficile da analizzare e riuscire a proporre delle soluzioni.

Certo è che la violenza sta uccidendo la scuola. Sembra normale ormai entrare a scuola con un coltello in tasca. A quando le stragi come in USA? Credo non ci siano ancora state solo perché in Italia è molto difficile procurarsi un’arma da sparo.

La famiglia non esiste più e non è in grado, sentendosi impotente, di controllare l’operato dei figli e delega questo compito completamente alla scuola. Ma non si può delegare tutto alla figura del docente la cui responsabilità sugli alunni oggi pesa immensamente e sembra non ci siano più gli strumenti per affrontare seriamente il problema.

Ovviamente si sprecano le interviste su questo argomento. Si dà la colpa alla tv e al web e si pensa di aver trovato la risposta definitiva. Troppo facile accusare solo i media.

Siamo passati dalla severità dei genitori nei confronti dei figli, durata fino agli anni ’50, che li vedeva in alleanza con la scuola nell’opera educativa, al permissivismo ormai quasi assoluto di oggi. I genitori odierni permettono ai figli di fare quello che vogliono, li viziano perché non sono in grado di aiutarli e non hanno più alcuna autorità verso di loro. Il dialogo non esiste più, delegano alla scuola ed ai media l’educazione trincerandosi dietro la scusa di non avere tempo a disposizione. Li riempiono di regali perché si sentono in colpa per la propria assenza.

Quando la scuola tenta di imporre delle regole, ecco che questi genitori si ergono ad avvocati difensori dei loro figli che hanno trasgredito e aggrediscono chi osa vietare loro qualcosa.

Ha detto giustamente lo psichiatra Polli Charmet che siamo passati dal complesso di Edipo alla fase del narcisismo, dove non si tollerano critiche e si cerca solamente la propria soddisfazione dei desideri, funzionale evidentemente all’attuale società dei consumi.

Se è così, allora c’è un’emergenza educativa, un’assenza di valori, che permea l’intera società, come si vede dagli episodi di teppismo delle baby gang all’ odio razziale. Ma la scuola da sola non ce la può fare. Ci deve essere il ruolo positivo delle famiglie, dei media a tutti i livelli (televisione, cinema, giornali, internet) e degli intellettuali.

Il problema è che non ci sono più i veri intellettuali. Dove sono i Pasolini, i Vittorini, gli Eco? Scruto l’orizzonte sconsolato e non li vedo arrivare.

 

di Gianni ZANIRATO

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *