Mura, deputato-skipper del M5S: “Assente alla Camera? Faccio politica in barca”.

Andrea Mura in una foto del suo profilo Facebook

Il parlamentare recordman di assenze su La Nuova Sardegna dice di non frequentare la Camera in quanto fa in mare il ‘testimonial in difesa degli oceani’

Il deputato grillino Andrea Mura, laurea honoris causa in Scienze motorie, componente della commissione Trasporti, uno dei velisti più famosi a livello internazionale, rischia di “affondare” alla Camera. Ha ammesso in una intervista alla Nuova Sardegna che “l’attività politica non si svolge solo in Parlamento, si può svolgere anche su una barca. Io l’ho detto fin dall’inizio, anche in campagna elettorale che il mio ruolo, più che quello di parlamentare, sarebbe stato quello di testimonial a difesa degli oceani”.

   CAPPELLACCI (FI) A DI MAIO: “LO SA CHE L’ASSENTEISMO È UNA TRUFFA?”
Il deputato di Forza Italia Ugo Cappellacci, in un post su Facebook, aveva attaccato Luigi Di Maio – leader politico del M5S, vicepremier e ministro del Lavoro – chiedendogli se fosse stato al corrente di quella “truffa”. “Caro ministro Di Maio – tuona Cappellacci – Mura sostiene di aver concordato con lei l’elezione alla Camera. Voi che siete moralisti per definizione e siete contro gli sprechi, lo sa che in qualunque altro posto pubblico un assenteista viene indagato e condannato per truffa e peculato? Cosa mi dice di questa scelta che avete fatto per consentire a Mura di prendere lo stipendio e stare in barca a veleggiare?”.

TASSO DI ASSENTEISMO DEL 96 PER CENTO!

Mura in base ai dati di OpenParlamento è risultato assente il 96% delle volte ma, al momento, non rinuncia all’indennità di circa 20.000 euro.

• MURA SPIEGA PERCHÈ NON PUÓ FARE IL DEPUTATO: “DEVO SALVARE GLI OCEANI”
“Capisco l’incredulità – afferma Mura – ma io l’ho detto fin dall’inizio al movimento che non volevo fare il parlamentare ma il testimonial per salvare gli oceani dalla plastica.
Il movimento – ribadisce – sapeva quale sarebbe Stato il mio ruolo e mi appoggia in questa battaglia. D’altronde, con la maggioranza schiacciante che i Cinque Stelle hanno alla Camera, che io sia presente o meno non fa alcuna differenza”.

• CRITICHE POLITICHE E RIVOLTA SUI SOCIAL: “SI DIMETTA”

Contro il parlamentare-velista scendono in campo su Facebook rappresentanti delle istituzioni, sindacalisti e comuni cittadini. Per l’assessore agli Enti Locali Cristiano Erriu, che posta la foto del quotidiano sardo con l’intervista a Mura, di tratta di una vicenda che si commenta da sola. Mentre il collega al Personale, Filippo Spanu, gli fa eco: “Vela per non scaldare il banco… Interessante”. C’è chi propone ironicamente una nuova classe velica – 5 Stars – e altri, come il presidente dell’Anci Sardegna Emiliano Deiana, prendono atto di come “il nuovo che avanza inauguri la nuova figura ridicola del deputato-testimonial”.

Ugo Cappellacci: “Mi chiedo se sia convinto delle idiozie che dice, in questo caso ha bisogno di un trattamento sanitario obbligatorio urgente. O forse sta prendendo per il c… I sardi. Forse sarebbe il caso di rassegnare immediatamente le dimissioni”.

Ironia mista a sdegno da parte del segretario regionale della Filca Cisl, Giovanni Matta, che parla di “nuova dimensione del mandato politico” da parte del “novello statista” il quale “asserisce di assolvere al proprio ruolo veleggiando da un punto all’altro del Mediterraneo”. A questo punto il sindacalista si sente in dovere di esprimere “solidarietà e sostegno, a chi il ruolo di deputato “continuerà a esercitarlo con passione e sacrificio tutti i giorni della settimana”.

Un ‘via libera’ provocatorio arriva invece dal vice capogruppo del Pd in Consiglio regionale Roberto Deriu: “Lo approvo senza riserve e lo stimo”, afferma e spiega che “se tutti quelli come lui evitassero di andarci, in Parlamento, o addirittura di candidarsi, saremmo a cavallo”. Il collega Eugenio Lai (Art.1-Sdp), ricorda che “non c’è bisogno di testimonial ma di serietà e lavoro per risollevare il Paese” e chiede: “Immaginate un ragionamento simile fatto da un sindaco, da un operaio, da un insegnante?”.

Ho utilizzato un articolo di “La Repubblica” del 23/07/2018 di di ALBERTO CUSTODERO.

di Gianni ZANIRATO

 

Questa volta non commento l’articolo: ogni parola diviene inutile. Che strani moralizzatori questi pentastellati!!!! E continuano a fare la morale agli altri… Ricordo solo una frase tratta dal Vangelo:

“Perchè guardi la pagliuzza che è nellocchio del tuo fratello e non ti accorgi della trave che è nel tuo occhio?”

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *