VERSO LA BARBARIE E OLTRE Ladro (presunto) inseguito e picchiato a morte.

È successo ad Aprilia alle porte di Roma. Due uomini avevano visto un’auto che si aggirava intorno alle 2 di notte. Sicuri che si trattasse di ladri si sono messi all’inseguimento. L’auto, dopo avere tentato la fuga, è finita fuori strada. Il guidatore, Hady Zuady marocchino di 43 anni, è stato raggiunto dai suoi inseguitori che l’hanno ucciso a calci e pugni.

Cinquecento anni fa Tommaso Moro si era battuto contro la pena di morte per i ladri. Moro ha scritto quel capolavoro che è L’Utopia, un’opera in cui si immagina una società più giusta. Ma, quando si batteva contro la pena capitale per il furto, non lo faceva solo da uomo giusto e letterato. Moro era un politico esperto, Primo Ministro del Regno in Inghilterra e aveva dimostrato, numeri alla mano, che l’applicazione della pena di morte aveva aumentato e non diminuito il numero di furti.

In Italia non esiste la pena di morte.

Ma questi due disgraziati di Aprilia l’hanno applicata, senza processo e nel modo più selvaggio.

Non c’è da stupirsene se si pensa che Salvini, il Ministro della Repubblica Salvini e non il cittadino privato Salvini, ha dichiarato in pubblico che se un ladro entra in casa sua verticale, esce orizzontale.

Questo Ministro dell’Interno che, di fronte a 4 delle organizzazioni criminali più potenti al mondo (la Mafia, la ‘ndrangheta, la Camorra, la Sacra Corona Unita), non ha fatto nulla. Questo Ministro dell’Interno passa il suo tempo a negare dignità agli immigrati (e alla loro vita), a fomentare il razzismo, a incentivare l’autodifesa personale e l’acquisto di armi.

Dal suo punto di vista, tutto questo funziona: l’industria della paura produce voti.

Dal punto di vista degli Italiani è un disastro.

Bloccare qualche migliaio di immigrati non porterà più posti di lavoro, meno precarietà, più servizi.

Le ronde contro gli immigrati (ormai i casi di violenza contro gli extracomunitari non si contano più) e l’invito a farsi giustizia da sé porteranno solo alla barbarie, a minore sicurezza sociale.

di Angelino RIGGIO

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *