UNA BRUTTA NOTIZIA E UNA BELLA NOTIZIA (numero 2)

Iniziamo con la cattiva.

Non ridete, sono informazioni tratte dai verbali dei carabinieri dopo controllo antivirus. Non sono inventate da me, io vi ho aggiunto solo, tra parentesi, dei piccoli commenti.

  1. Sono andato a trovare la fidanzata (Spero ti abbia cacciato per insensibilità sociale);
  2. Sono andato a trovare gli amici (Uguali a te? Come siamo scesi in basso!);
  3. Non posso rinunciare alla passeggiata a piedi (all’ intelligenza, sì?);
  4. Non posso rinunciare ad un giro in bici;
  5. Ho dimenticato il pc nella seconda casa (e non solo il PC, anche il cervello);

6)Contesto le sanzioni perché non ho ricevuto alcuna

lettera di notifica, quindi non sono valide (Abbiamo anche il fine giurista! Alquanto pirla, però…);

7) Nessuno mi ha avvisato (Certo nessuno ne sapeva

nulla, non una parola da radio, TV, media, amici… vivi da solo nel deserto del Sahara?);

8) Ho il cane incontinente (Povero cane, che padrone

imbecille hai!);

  1. Sono un appassionato di Jogging (hai lasciato a casa

anche il cervello?);

10) Sono andato da un amico per una birra;

11) Sono uscito per controllare se il solito bar è proprio

chiuso (Se vuoi sapere gli orari del Louvre parti da

Roma in auto? Lo sai che si può fare con il telefono?);

12) Non mi interessano queste regole (Certo, ognuno deve

farsi le proprie, siamo in uno Stato democratico, no?);

13) Devo comprare una damigiana di vino (Secondo me te

l’eri già scolata);

14) Devo lavare la macchina (Assolutamente ragione!

chissà che figura faresti se arrivasse il virus e tu avessi

l’auto sporca…);

15) Devo andare dall’amante (beh, speriamo che il

carabiniere non spifferi tutto a tua moglie!);

16) Ho mal di pancia e devo fare una passeggiata (corri,

corri in fretta non vorrei…);

17) Devo ubriacarmi con un amico (secondo me hai

anticipato il momento);

18) Mi sentivo solo (Se sei così menefreghista ci rimarrai

Solo per sempre);

19) Mi stavo recando dalle suore perché volevano

regalarmi una bicicletta (A me le suore regalano

solitamente le Ferrari);

20) Mi stavo recando a raccogliere gli asparagi (C’è

una deroga per gli asparagi e non per i peperoni di

Carmagnola?);

21) Mi stavo recando alla stazione ferroviaria per

controllare gli orari dei treni (Il cellulare non ce

l’hai? E non sai che non si possono prendere i

treni se non per particolari motivi?);

22) Mi stavo recando all’edicola di fiducia (“di fiducia”?

Perché probabilmente l’edicolante non racconta a

tua moglie i giornaletti sozzi che compri?);

23) Devo comprare droga (L’hanno arrestato! Spero

anche portato alla neuro);

24) Devo portare il cane in auto per fare la pipì

(Manco la regina Elisabetta si fa accompagnare in

auto quando va in bagno!);

25) (Fermato di notte!) Stavo andando a potare le viti

(ti eri già bevuto il vino in anticipo?);

26) Sono stato cacciato da casa dalla fidanzata (La tua

fidanzata ha tutta la mia incondizionata stima!).

LA NOTIZIA BUONA

L’appello di un sindaco di un piccolo comune siciliano Delia.

Sindaco: Gianfilippo Maria Bancheri

«Mi sono arrabbiato e ho richiamato all’ordine quelle persone che fanno finta che il problema non esista. Tutti podisti improvvisi, tutti superficiali. Sono pochi ma non devono esserci. Il mio video è diventato virale, perchè questo nostro problema è di tutti i comuni. Pensano che il problema sia degli altri, ma i morti sono reali». Lo ha detto a Centocittà, su Radiouno, il sindaco di Delia, Gianfilippo Maria Bancheri, autore del video su Facebook diventato virale.

Quattro minuti in cui, il sindaco, al secondo mandato, agitava la sua furia contro chi a casa proprio non riesce a starci, nemmeno in tempo di epidemia.

di Gianni ZANIRATO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *