LAMERICA, OVVERO DELLA SOLIDARIETA’

  1. LAMERICA è un bel film di Gianni Amelio che parla della massiccia ondata di profughi dall’Albania dopo la caduta del regime comunista (?) di Enver Hoxa. I primi profughi furono accolti nelle loro case dalle famiglie pugliesi con una generosità spontanea e formidabile. Poi lo Stato italiano, pur tra molte polemiche, fece la sua parte. Da allora, anche grazie alle rimesse degli emigranti e agli investimenti italiani e internazionali, l’Albania ha avviato un difficile percorso di ricostruzione economica tutt’altro che concluso. Con tutto ciò, il governo albanese ha inviato trenta medici specialisti per aiutare l’Italia nella difficile lotta contro il coronavirus, con la motivazione: “voi ci avete aiutati allora, noi dobbiamo farlo adesso”.
  2. La curva di crescita del contagio è rallentata ma siamo ancora molto lontani da una situazione di relativa tranquillità. Il pericolo più grosso è che, dopo avere imperversato in Lombardia, l’epidemia si estenda senza controllo nelle regioni del Sud. Certe volte penso con angoscia che, se l’epidemia fosse partita dal Mezzogiorno, sarebbe stato un disastro ancora più grave. Se sono andate vicino al collasso le tre regioni con la migliore Sanità in Italia (Lombardia, Emilia Romagna e Veneto), che cosa sarebbe accaduto là dove, per responsabilità della politica locale e soprattutto per una questione meridionale mai risolta, la struttura sanitaria è certamente molto più debole? Possiamo solo immaginare l’ondata di razzismo che la belva assetata di odio, di cui non faccio il nome, avrebbe scatenato contro gli untori del sud, i suoi ammalati e i suoi morti.
  3. Thomas Schaefer, ministro delle finanze dell’Assia, un ricco lander della Germania, si è suicidato perché lo angosciava l’idea di come si potesse riuscire davvero ad andare incontro alle enormi attese della popolazione sul fronte degli aiuti finanziari necessari ad affrontare l’emergenza oggi e la recessione poi. Nel frattempo i Paesi Bassi, dove l’epidemia è in ritardo di due settimane rispetto alla Lombardia, hanno superato i 10.000 contagiati e contano 771 morti.

Le battaglie si vincono con la solidarietà. L’Europa deve trovare percorsi comuni per combattere problemi comuni. L’egoismo individuale e nazionale è un vicolo cieco.

Come ha detto Papa Francesco: nessuno si salva da solo.

di Angelino Riggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *