LA REGIONE LOMBARDIA RIFIUTA IL PRESEPE DONATO DALLA CAMPANIA

Dopo il no dell’assessora regionale il manufatto artigianale è stato offerto a Bergamo che ha accettato.

Il sindaco Gori: “Gesto che unisce i territori”.

Altre sacre rappresentazioni inviate dalla Campania alle regioni italiane

Se Maurizio Crozza non fosse andato in meritata vacanza, non avrebbe mancato di travestirsi da governatore della Lombardia e, in una delle sue più riuscite imitazioni, gli avrebbe fatto gridare ” vade retro” di fronte al presepe napoletano che il collega di Fontana, Vincenzo De Luca voleva graziosamente donare ai lombardi.

Il presepe Milano non l’ha voluto, anche se era regalato, e a dire no non è stato Fontana, ma l’assessora da lui nominata al Turismo e anche al Marketing e alla Moda: la maestra di sci alpino Lara Magoni, esponente di Fratelli d’Italia.

Il gran rifiuto è avvenuto senza niente di scritto, ma tra segreterie che si sono limitate a trasmettersi l’imbarazzo.

Tutto ha avuto inizio quando il governatore De Luca d’intesa con l’assessore al Turismo Felice Casucci ha deciso di offrire per questo Natale ” diviso” e ” ristretto” causa Covid un dono di valore a tutte le altre regioni dello stivale.

La Campania ha prodotto un bando cofinanziato con lo Stato, nell’ambito del Poc 2014-2020, ed è partita l’operazione “Viaggio in Italia del Presepe napoletano”.

Non sfuggirà la citazione di Goethe.

Un’operazione che doveva sancire l’unità e, ove non ci fosse stata, la pace tra governatori, di qualsiasi colore politico essi fossero.

Quarantotto ore fa, nel rispetto delle zone rosse, sono stati spediti i primi 9 presepi artigianali “alla maniera del Settecento”, ma solo 8 sono stati bene accolti: Milano ha declinato l’invito a esporre il manufatto made in Naples.

Non era un leasing, non si pagava, era un regalo.

Eppure la città del Duomo ha detto no.

Tanto che da Santa Lucia ci hanno riprovato con Bergamo, la città più colpita dal Covid, e stavolta è arrivato un sì con un largo sorriso del sindaco Giorgio Gori, che ha scritto una lettera per Napoli: “Il gesto, molto significativo, offre la possibilità di apprezzare la bellezza di un’opera artigianale ricca di storia che valorizza il patrimonio culturale napoletano e le antiche tradizioni. Un gesto che unisce i territori ed esprime un messaggio di speranza in un momento di grande difficoltà collettiva”.

Le creazioni artistiche, quest’anno penalizzate dalla pandemia, dei maestri Michele Buonincontro, Lucio Ferrigno, D’Auria, Giovanni Giudice, Carmela Manzavino, Fratelli Capuano, Salvatore Gambardella e Genny Di Virgilio e un ottavo proveniente da Torre del Greco, hanno raggiunto in queste ore le sedi municipali di Zagarolo per il Lazio, di Firenze, San Francesco di Paola per la Calabria, al Museo Castromediano di Lecce, la chiesa dei Martiri di Torino, la sede della Regione a Bologna a Palazzo Malvezzi, il Salone nobile di Palazzo Sceriman di Venezia, sede della Regione Veneto, e un salone dell’assessorato regionale al Turismo della Sicilia.

“Un messaggio di speranza – ha scritto la giunta nella delibera – ma anche un gesto concreto che inaugura un paradigma di dialogo istituzionale fondato sulla straordinaria bellezza del nostro patrimonio artistico e artigianale come fonte di attrattiva turistica”.

E l’assessore Casucci: ” Il Viaggio in Italia del Presepio Napoletano inaugura un nuovo Grand Tour delle cose, ancor prima della mobilità delle persone. I manufatti resi disponibili in favore di Regioni e Province autonome saranno a carattere permanente, in modo che potranno essere esposti anche per periodi più lunghi rispetto alle sole festività natalizie, considerando la previsione di flussi turistici di prossimità”.

Ieri sera sono partiti per Palermo, Lecce, la Calabria e il Lazio.

Resta un mistero il niet di Milano: “Se è stato un rifiuto leghista ci sembra strano – dice Gabriele Casillo, presidente delle Botteghe dei presepi – perché nel 2017 fu proprio Salvini a commissionarci un presepe per nonna Peppina, l’anziana terremotata che perse la casa ” .

Anche quello fu un presepe ” regalato”: ma a offrirlo furono le botteghe di San Gregorio, non l’allora ministro dell’Interno.

Da Repubblica del 24 dicembre 2020

In quasi tutte le persone di destra vai a scavare e ci trovi un razzista xenofobo.
Bellissimo gesto della Campania.

I loro presepi sono vere opere d’arte.

di Gianni ZANIRATO

3 comments Add yours
  1. …. Diversa la versione dell’assessora Lara Magoni che a Fanpage si è detta addolorata per la polemica. “Nessun rifiuto di Milano al presepe offerto dalla Campania. Sono stata io a chiedere di mandarlo a Bergamo, perché prima di essere assessore in Lombardia, sono bergamasca, cristiana, orfana, vedova e senza figli. E passerò il Natale da sola. Bergamo è la mia città e ha sofferto molto per il Coronavirus. Per me il presepe è un simbolo importante e non avrei mai rifiutato un dono così prezioso”. È addolorata Lara Magoni, assessora al Turismo e anche al Marketing e alla Moda della Regione Lombardia, nella giunta del governatore Attilio Fontana.

  2. Grazie per l’informazione. La verificheremo e nel caso che ci fossimo sbagliati sarà nostra scusarsi con l’interessato. Faccio presente che nel momento in cui abbiamo pubblicato quell’articolo di Repubblica la notizia era riportata su decine di giornali on line e non solo.
    In breve risponderemo.
    Gianni Zanirato per la redazione di piazzadivittorio.it

  3. Letto tutto quanto uscito sul web. Ho ancora dubbi su cosa sia successo realmente.
    Nel dubbio mi scuso.
    Certo che se per accettare un dono c’è tanta burocrazia da scavalcare, mi sembra che qualcosa non funzioni. Perchè in tutte le altre parti non ci sono stati problemi?
    Sicuramente il bellissimo presepe sta bene anche a Bergamo.
    Sul web oggi c’è un articolo su un consigliere di Fratelli d’Italia che ha costruito un presepe fascista.
    Non comment.
    Almeno sí può dire non sia stato di buon gusto?
    Gianni ZANIRATO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *