L’INSEGNATE ANNAMARIA MANTILE NON E’ STATA UCCISA DAL VACCINO

La Repubblica del 09/03/2021

Arrivati i risultati dell’esame autoptico effettuato sul corpo dell’insegnante Annamaria Mantile

Da circa una settimana, il prematuro decesso dell’insegnante campana Annamaria Mantile è al centro dell’attenzione pubblica e sanitaria.

A creare scompiglio, anche emotivo, era stata la notizia che la donna, 62 anni, fosse morta quattro giorni dopo essersi sottoposta al vaccino AstreZeneca.

Subito dopo il decesso dell’insegnante è partita un’indagine di risposta alla denuncia dei familiari della donna.

La salma è stata sottoposta all’esame autoptico, i cui risultati, fanno sapere la famiglia e l’avvocato, non sono ancora stati resi noti, ma secondo indiscrezioni fornite dai colleghi de Il Mattino Annamaria sarebbe morta  per un arresto cardiaco, e il vomito accusato insieme al dolore addominale pare siano stati conseguenza dell’occlusione intestinale in atto.

COMMENTO:

Basta allarmismi che danneggiano la già gravissima situazione sanitaria.

Ne possiamo solo uscire con vaccinazioni e rispetto delle regole anche se spesso sono pesanti.

Questi allarmismi sono vera criminalità.

Gianni ZANIRATO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *