ROMA, GIORNALISTA AGGREDITO DA UN MANIFESTANTE AL SIT-IN CONTRO IL GREEN PASS NELLE SCUOLE: “COLPITO IN FACCIA CON 4-5 CAZZOTTI”

La vittima è Francesco Giovannetti che stava realizzando un video per Repubblica.

L’aggressore, immediatamente fermato e identificato, aveva delle armi in casa, detenute regolarmente, che gli agenti, su disposizione della Questura, hanno ritirato in via cautelare, sospendendo anche la licenza

Cazzotti in faccia e minacce verbali.

Un giornalista-videomaker di Repubblica e del gruppo Gedi, Francesco Giovannetti, è stato aggredito da un manifestante durante la protesta di fronte al ministero della Salute, a Roma, contro il green pass nelle scuole, indetta dal Coordinamento nazionale docenti Ata.

Lo rende noto il sito del quotidiano.

L’aggressore è stato immediatamente fermato e identificato.

Il professionista stava girando un servizio, parlando con alcuni manifestanti, per lo più docenti e personale Ata, quando un uomo lo ha aggredito.

“Pochi minuti prima dell’inizio formale del sit-in, un uomo mi ha colpito in faccia con 4-5 cazzotti – racconta Giovannetti – dopo avermi minacciato. Non mi lasciava andare, ma per fortuna erano presenti agenti della polizia che sono intervenuti”.

Il giornalista quindi racconta ancora: “Ero lì da cinque minuti, ho chiesto a un gruppetto di persone se avevano voglia di parlare – aggiunge – di rispondere a delle domande. Mi hanno chiesto per chi scrivessi e hanno iniziato a criticare Repubblica, ma in maniera civile. Solo poi quest’uomo, non so chi fosse o che ruolo avesse, si è girato, ha mimato il gesto di sgozzarmi, ha detto ‘ti taglio la gola se non te ne vai’ e quando gli ho chiesto se stesse minacciando mi ha aggredito e colpito”.

Le altre persone presenti si sono dissociate dall’azione violenta, chiedendo scusa al giornalista.

Il giornalista è stato portato in ambulanza all’ospedale Fatebenefratelli, sull’Isola Tiberina, per gli accertamenti di rito, mentre l’aggressore, appunto, è stato fermato e portato in commissariato dagli agenti della Digos e del commissariato di polizia di Trastevere.

Identificato, l’aggressore, un precario del personale scolastico Ata di 57 anni, aveva delle armi a casa, detenute con regolare licenza, per questo, su disposizione della Questura, gli agenti in via cautelare hanno ritirato le armi e sospeso la licenza.

Il Questore di Roma ha incaricato la Divisione Anticrimine di verificare anche l’applicazione di misure di prevenzione connesse alle manifestazioni di piazza e sono al vaglio degli inquirenti anche le immagini riprese dalla polizia scientifica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *