LA CONCLUSIONE DEL G20 TRA IDEALI E PRAGMATISMO

Ho sempre considerato stupido, se non disonesto, l’atteggiamento di chi considera “anime belle” o sognatori i portatori di ideali. Gli ideali non sono sogni ma necessità prospettiche indicate da chi (come 500 anni fa, Tommaso Moro), sulla base di un’analisi della realtà, individua delle vie d’uscita per marciare verso il progresso o, quanto meno, evitare…

Continue Reading