CORAGGIO

Jean Jaurès è stato un uomo politico francese, nato nel 1859 e ucciso a Parigi il 31 luglio 1914.

Leader socialista, fu ispiratore e teorico del pacifismo, ideale per il quale fu assassinato da un nazionalista alla vigilia della prima guerra mondiale.

Nel 1903 fu invitato a tenere un discorso agli studenti nel liceo di Albi, nel sud della Francia, in cui aveva insegnato prima di diventare deputato, e tra l’altro disse:

“L’umanità è maledetta se per dare prova di coraggio si condanna eternamente a uccidere. Il coraggio oggi non è far vagare sul mondo la terribile nube della guerra. Il coraggio non è lasciare alla forza la soluzione di conflitti che la ragione può risolvere. Per voi il coraggio deve essere quello di ogni ora: è saper sopportare le prove fisiche e morali che la vita impone di continuo. Il coraggio è scegliere un mestiere, farlo bene, non disgustarsi per dettagli monotoni e fastidiosi. In qualunque mestiere bisogna esser sia pratici sia filosofi.

“Il coraggio è capire qual è la propria vita, precisarla, approfondirla e al tempo stesso coordinarla con la vita in generale. Il coraggio è tenere d’occhio la propria macchina per filare o per tessere in modo che nessun filo si rompa, e tuttavia prepararsi a un ordine sociale più grande e fraterno in cui la macchina sarà al servizio dei lavoratori liberati.

“Il coraggio è accettare le nuove condizioni che la vita propone alla scienza e all’arte, accogliere ed esplorare la complessità quasi infinita dei fatti e dei dettagli, e al tempo stesso illuminare questa realtà enorme e confusa con delle idee generali, organizzarla e sollevarla con la bellezza sacra delle forme e dei ritmi.

“Il coraggio è dominare i propri errori, soffrirne ma non esserne sopraffatti e continuare il proprio cammino. È andare verso l’ideale comprendendo la realtà. È agire e dedicarsi alle grandi cause senza sapere quale ricompensa riserverà al nostro sforzo l’universo, né se una ricompensa ci sarà. Il coraggio è cercare la verità e dirla, non cedere alla menzogna, non associarsi alle urla dei fanatici”.

Con i venti guerra che hanno ripreso a soffiare sull’Europa, mi sembra una riflessione importante quella proposta da Giovanni De Mauro, direttore di Internazionale, nel numero della rivista di questa settimana.

Ornella MORETTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.