SCHIACCIATO DA UNA LASTRA DI CEMENTO, OPERAIO DI 47 ANNI MUORE SUL COLPO A SAN GIOVANNI ROTONDO

Incidente mortale sul lavoro nel Foggiano in un cantiere dove Alessandro Rosciano lavorava come saldatore.

Quando i medici del 118 sono arrivati nel cantiere per l’uomo non c’era più nulla da fare

Incidente sul lavoro a San Giovanni Rotondo, nel Foggiano, dove Alessandro Rosciano, un operaio di 47 anni, è morto dopo essere rimasto schiacciato da una lastra di calcestruzzo.

L’uomo, single e senza figli, era originario di Mandredonia. Lavorava come saldatore per il consorzio d bonifica.

L’incidente mortate è avvenito in località Le matine.

La lastra di calcestruzzo sarebbe caduta da una pala meccanica guidata da un collega.

https://www.repubblica.it/dossier/cronaca/morire-di-lavoro/

L’infortunio è avvenuto all’interno di un cantiere dove l’operaio stava lavorando. I primi a tentare di soccorrerlo sono stati i colleghi ma per l’operaio non c’è stato nulla da fare.


Anche il personale del 118, giunto poco dopo non ha potuto far altro che constatare il decesso dell’uomo.

Sul luogo dell’incidente anche i carabinieri e gli uomini dello Spesal, il servizio prevenzione infortuni sui luoghi di lavoro che, sull’accaduto, hanno aperto una inchiesta.

COMMENTO:

Basta con i morti sul lavoro.

Tutta la sicurezza conosciuta deve essere applicata senza se e senza ma.

Maggiori controlli da parte delle autorità competenti ed inasprimento delle pene.

Gianni ZANIRATO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *